Passa ai contenuti principali

Vi lascio un mio sussurro


Bea, Ludo


Vi scrivo qui, piccoli miei, perché in un futuro non troppo lontano spero voi possiate leggere e capire il perché di questa mia scelta.
Oggi, proprio oggi, la vostra nonna ha deciso di chiudere una porta. È la porta che lasciava spazio ad un grande dolore, quello di non potervi vedere e godere della vostra presenza solo che attraverso ricatti via via più incontenibili.
La scelta di chiudere questa porta, per non soffrire più delle promesse non mantenute, delle parole di odio e dell'incapacità di perdonare è stata la più difficile e dolorosa che vostra nonna abbia mai preso nella vita.
Voi sapete quanto grande sia l'amore che ho per voi e solo l'idea non sentirvi e non vedervi mi lacera l'anima più di quanto voi possiate mai immaginare. Ma è arrivato il momento di staccare con mamma, la vostra, che è mia figlia ma il tentativo, magari goffo, di dialogo e di riappacificazione non è stato mai accolto. È passato più di un anno ormai da quando mamma ha deciso che io dovessi essere a margine della sua vita ma questo suo abbandono ha travolto come una valanga anche voi purtroppo.
Voi siete parte della mia vita e lo sarete sempre.
Avremo tempo di raccontare, quando sarete più grandi, di quanto noi adulti si sia capaci di farci del male. Voi sappiate, angeli miei, che è solo per amore  che chiudo la porta.
Voi, tutti voi, sappiate che dietro di lei io non ho mai smesso di tenervi la mano.
Con tutto l'amore

Nonna

Commenti

soloenne ha detto…
...solo n grande abbraccio
Daoist ha detto…
Conosci già il mio pensiero su questo argomento; tuttavia Signora, rileggendo in questo spazio il tuo stato d'animo, consiglierei: di tenere la porta sempre discretamente accostata...Un brano bibblico si racconta del figliol prodico...pretese tutto ciò che le spettava in lascito da suo padre ecc. Qundo ebbe delapidato ciò che gli era stato dato (a mio parere tutto l'amore sia materno che paterno...insomma l'amore filfiale) un giorno si presentò sull'uscio della casa paterna ecc. Ebbene fu riaccolto con l'amore di sempre da tutti i suoi cari...

MORALE: Un genitore alla fine di ogni processo positivo o negativo nei rapporti con la prole NON SMETTERA' MAI DI ELARGIRE AMORE E COMPASSIONE.

Ti chiedo scusa per questo ommento, ma a Te mi lega una profonda amicizia e affettuosità; Ti abbraccio.
Uriel ha detto…
Quanto dolore....ti abbraccio.
Uriel

Post popolari in questo blog

Come un fiocco di neve

Calendario dell'Avvento  il Focolare dell'Anima (una splendida idea di Anima Mundi ) ad Ale alla sua forza, al suo sorriso all'immensità del suo cuore al suo essere un  bambino speciale. Puoi sentirlo arrivare da molto lontano,  in un soffio di vento,  in una parola gentile.   A volte capita di trovarlo in un raggio di sole,  di quelli che si affacciano timidi fra le foglie degli alberi alti.    Altre volte invece potresti incontrarlo per strada,  accucciato assieme ad un bimbo che gioca.   Lui ti tocca una spalla e sparisce,  monello come quando eri piccolo.  Si insinua in un gesto, in uno sguardo,  nelle lucine delle finestre di notte.    Puoi far finta di nulla e mentire a te stesso,  oppure scappare lontano e nasconderti.  Puoi serrare la porta di casa e non aprire a nessuno.  Ma lui entrerà senza presentazioni, irruente. Ti terrà stretto come a voler entrare dentro di te, pesante e caldo come una coperta

C'è un bambino....

E poi c'è un bambino.  Quello che hai conosciuto senza motivo, che ha attraversato la tua strada per sbaglio, diresti tu. Non dovevi essere li, mentre lui passava. Dovevi essere altrove a curare il tuo giardino, oppure a versare lacrime inutili. Invece no. Lui si è parato davanti vestito con una camiciola a scacchi bianchi e blu. Mi ha perfino sorriso malgrado gli fossi estranea. E' stato allora che ho fatto una cosa che mai avrei dovuto fare: gli ho toccato i capelli. Lui ha i capelli più soffici di qualsiasi altra cosa soffice esista al mondo. Una sensazione di morbido che mi è rimasta incollata alla mano, non viene via con nessun sapone. Nulla lasciava intendere che stesse male. Non il suo volto, non i suoi occhi e nemmeno le sue parole. Loro si. Loro due avevano il dolore appena appreso che gli colava dagli occhi.  Ogni lacrima versata restava attaccata al volto solcandolo profondamente. Il volto ritorto assieme al cuore nel filo spinato. E io ero li a provare a