Passa ai contenuti principali

I gesti più dolci

Chiudete gli occhi e provate ad entrate in paradiso con me. Non abbiate fretta, lasciatelo qualche istante fra le vostre dita ed iniziate a sentire l'aroma uscire dalla stagnola. Profumo caldo, intenso, dolce. Pian piano la bocca inizia a riempirsi, la mente ad impregnarsi ed un intenso piacere vi avvolge la lingua che inizia a volere, a pretendere, a desiderare. "Ohh ... " nessuna frenesia, nessun gesto o movimento: lasciate che questa sottile e dolcissima voglia vi prenda e vi lasci inermi per qualche dolcissimo istante. Abbandonate la fretta, bloccate la mente, godete della sensazione che questa dolce tortura vi da. Ancora un poco... non ancora ... qualche secondo in attesa. Ecco, ora che avete costretto la mente ed il corpo, che siete al limite del desiderio, che quest'onda di intenso piacere v'ha preso anche l'anima, potete iniziare a scartare poco alla volta il piccolo foglio dorato. Piano... per non stropicciarlo, come fosse un gioiello rarissimo. Alzate i lembi della stagnola, prima da una parte e poi dall'altra. Scoprite il dolce tesoro apparire fra i suoi angoli d'oro, lasciando che l'aroma pervada dapprima le vostre dita, salendo lungo le vene della mano, per poi raggiungere il centro del vostro desiderio ... quasi vi stesse riempiendo gli anfratti il cuore. Ora avvicinate la mano, con perversa lentezza. Lasciate che la vostra voglia incalzi, vi prenda in un sadico spasmo di intenso piacere. Appoggiatelo piano sopra alla lingua e chiudete la bocca. Lasciate che il caldo abbraccio lo sciolga, che la morbida crema si insinui e vi riempia, inebriandovi con tutta la dolcezza che ha. Intensamente, come un'onda di zucchero, come un bacio d'amore, di quelli che vi prendono l'anima. Affidatevi al piacere, che si impossessi di voi, inermi, schiavi di questo godere. Sentite i sussulti del corpo perdersi in questo orgasmo di miele. Donatevi al liquido nero e suadente, lasciandolo scorrere dentro la gola, che il profumo risalga dal fiume del vostro pensiero e scenda a cascata in ogni singola parte di voi, impregnandovi, imbevendovi, in un infinito istante di paradiso. E' la forza della dolcezza, la delicatezza del pensiero, la pienezza del gesto. Questo è quello che accade quando ... mi sento abbracciare nel sonno di una notte di agosto.

Commenti

Anonimo ha detto…
E' un piacere leggerti !

Ultimamente passare qualche momento sul web mi ha dato l'impressione di permanere in una realtà momocromatica fatta di concetti,immagini,e quant'altro, ripetitivi; un ambiente privo di colori, di profumi ecc...

Proprio così!

La scoperta dei tuoi scritti in post, il modo di descrivere una intima realtà con estrema semplicità emotiva conferma una convinzione che - se si é liberi mentalmente - ogni cosa é divina.
johakim ha detto…
Grazie!
Mi piacerebbe risponderti con le parole che sono care ad un amico...: "L'anima libera è rara, ma quando la vedi la riconosci: soprattutto perché provi un senso di benessere, quando gli sei vicino"
(Charles Bukowski)

Io.. ci sto provando

Joh
keypaxx ha detto…
Dovremmo lasciarci di più andare alle emozioni. A quel piccolo barlume d'anima che cerca di farsi largo dentro di noi. Per mostrarci che, si, ci siamo, e ci prepariamo a raccogliere il meglio dalla vita.
:)

Post popolari in questo blog

Vi lascio un mio sussurro

Bea, Ludo Vi scrivo qui, piccoli miei, perché in un futuro non troppo lontano spero voi possiate leggere e capire il perché di questa mia scelta. Oggi, proprio oggi, la vostra nonna ha deciso di chiudere una porta. È la porta che lasciava spazio ad un grande dolore, quello di non potervi vedere e godere della vostra presenza solo che attraverso ricatti via via più incontenibili. La scelta di chiudere questa porta, per non soffrire più delle promesse non mantenute, delle parole di odio e dell'incapacità di perdonare è stata la più difficile e dolorosa che vostra nonna abbia mai preso nella vita. Voi sapete quanto grande sia l'amore che ho per voi e solo l'idea non sentirvi e non vedervi mi lacera l'anima più di quanto voi possiate mai immaginare. Ma è arrivato il momento di staccare con mamma, la vostra, che è mia figlia ma il tentativo, magari goffo, di dialogo e di riappacificazione non è stato mai accolto. È passato più di un anno ormai da quando mamma h

Parole bianche e parole grigie

Quando le parole non arrivano, allora salgono alla mente i ricordi che scivolano sul voglio di carta imbrattandolo di sfumature di grigio e d’argento. Una virgola, un punto e qualche parentesi qua e là, come fiammelle di luce. Ci sono frasi che ricordano sentieri di montagna. Lo scricchiolio dei passi sulla neve. Soprattutto il silenzio della notte, mentre la volta stellata è talmente lucente che potresti quasi toccarla. Qualche ricordo prende la forma di una madre, attenta a far di quella stanza una sala regale. il rosso della tovaglia e gli agrifogli appesi alle porte. I pacchetti nel sacco che Babbo Natale porterà ai bambini ed i profumi della cucina che avvolgono il cuore. Quanto mi manchi madre mia… Le consonanti brillano sull’abete e le vocali riflettono la luce delle candeline sparse per casa. Il profumo di quel caro vecchio albero carico di luci scivola lungo gli abiti andandosi ad infilare nei taschini, casomai servisse a ricord

Come un fiocco di neve

Calendario dell'Avvento  il Focolare dell'Anima (una splendida idea di Anima Mundi ) ad Ale alla sua forza, al suo sorriso all'immensità del suo cuore al suo essere un  bambino speciale. Puoi sentirlo arrivare da molto lontano,  in un soffio di vento,  in una parola gentile.   A volte capita di trovarlo in un raggio di sole,  di quelli che si affacciano timidi fra le foglie degli alberi alti.    Altre volte invece potresti incontrarlo per strada,  accucciato assieme ad un bimbo che gioca.   Lui ti tocca una spalla e sparisce,  monello come quando eri piccolo.  Si insinua in un gesto, in uno sguardo,  nelle lucine delle finestre di notte.    Puoi far finta di nulla e mentire a te stesso,  oppure scappare lontano e nasconderti.  Puoi serrare la porta di casa e non aprire a nessuno.  Ma lui entrerà senza presentazioni, irruente. Ti terrà stretto come a voler entrare dentro di te, pesante e caldo come una coperta