domenica 9 novembre 2014

SONO CAMBIATA

Si è vero, sono cambiata.
Sono diventata una donna nuova.
Quella che custodivo gelosamente sotto le coperte del mio cuore.
Mi hai aiutata a scoprirmi,  prendendola per mano, a volte strattonandola, a volte accarezzandola delicatamente permettendole di vedere cosa ci fosse fuori da questo corpo.
Ho imparato con questa tua forza a riconoscere a me stessa che non ci sono limiti ai desideri. Che bisogna dire ad alta voce tutto quello che ci si porta dentro. Gli orrori della vita, i malumori, le agonie del quotidiano e le paure dell'avvenire.
Io l'ho fatto. Per mille ragioni l'ho fatto e ne sono felice.
Sono cambiata non per diventare una donna diversa, ma per essere quella persona vera, sincera e tenace che tu avevi visto in fondo ai miei occhi.
Sono cambiata anche nel corpo, per assomigliarti. Perchè noi due siamo uguali. O forse, lo eravamo.
Tu hai smesso di parlare ed hai fatto cadere dalle tue tasche gli errori del passato che tenevi stretti fra le mani. Li ho visti rotolare lungo una via dove stai camminando senza di me.
Io sono cambiata come mi hai chiesto di fare e sei cambiato anche tu. Ti porti addosso un silenzio che non riconosco. E' di qualcun altro. 
Ora sono io che ti chiedo di cambiare e tornare a fare lo stesso percorso che ci eravamo  promessi di fare. Ce lo raccontavamo stretti nel letto, ridendo di quello che eravamo capaci di dire.
Torna a parlare con me, con quella donna che è cambiata cosí tanto,
da scriverti ancora di voler invecchiare con te.