sabato 3 ottobre 2009

AVERE UN NOME





"Il mio nome, che è mio, quello che scelsi per apparire in mezzo a voi, ecco quello che reclamo.
Quelli che mi sono dati alla mia nascita o durante la mia giovinezza, quelli per i quali fui conosciuto, sono di altri tempi e luoghi. Li ho lasciati come avrò lasciati domani dei vestiti passati di moda ed ormai inutili.

.... io divento Colui che desidero.


Il mio nome è quello della mia funzione ed io lo scelgo, così come scelgo la mia funzione, perchè sono libero. Il mio paese è quello dove fermo momentaneamente i miei passi. Mettete la data di ieri, se volete o riuscendovi quella di domani o degli anni passati; per l'orologio illusorio di una grandezza che non sarà mai la vostra.

Il mio nome, che è mio, quello che scelsi per apparire in mezzo a voi, ecco quello che reclamo. Quelli che mi sono dati alla mia nascita o durante la mia giovinezza, quelli per i quali fui conosciuto, sono di altri tempi e luoghi. Li ho lasciati come avrò lasciati domani dei vestiti passati di moda ed ormai inutili.
I nomi non sono simboli arbitrali ma parte vitale di ciò che definiscono.

Mosè chiese quale fosse il Suo nome e non si trattava di una curiosità di ordine filologico, ma di accertare chi Lui fosse o più precisamente cosa fosse.
"Sono ciò che Lui vuole che sia, sono ciò che mi hanno fatto le leggi universali"

A. Conte di Caglistro

Alessandro di Cagliostro non ci dice chi e, perchè eccederebbe la comprensione del suo interlocutore umano..... "fino a quando io non sia infine arrivato e stabilito al termine della mia carriera: allora la rosa fiorirà sulla croce".

10 commenti:

Anonimo ha detto...

io invece non ho capito il tuo di nome, vero naturalmente...il nome non ha nessuna importanza è dato solo per ricordare qualcosa e attualmente io mi sento il nulla... e tu, ho solo tanto freddo.Ciao

Johakim ha detto...

il mio nome lo puoi trovare ovunque nel mio blog.
Se tu sei il nulla allora ben arrivato. Il freddo si può combattere.... credimi.

Ste

keypaxx ha detto...

Direi che c'è della gustosa poetica, specialmente nella chiusa di questo post.
Il nome ha la sua relativa importanza e sostituisce, gradevolmente, altri mezzi meno appariscenti per identificarci con gli altri.
Un sorriso per l'inizio di questa nuova settimana.
^___________^

Johakim ha detto...

Si... nomi.... solo nomi. Altro è il significato del simbolo.
Grazie Key!
Ste

keypaxx ha detto...

Un sorriso per un sereno fine settimana... da me piove, stamani.
^______________^

keypaxx ha detto...

Un sorriso per una solare nuova settimana per te.
^____________^

Anonimo ha detto...

Lui la sapeva lunga sul potere del nome...il suono...e se lo scelse , per rimodellarsi, facendo suo un nuovo Mantra.

( a prescindere dall'opinione personale sul personaggio)


Cekko

Johakim ha detto...

Si Cekko, personaggio discutibile in effetti. Ma la scelta del suo nome è stata significativa per definire colui che era.
Grazie, come sempre, delle tue parole.

Ste

Sergio Dellestelle ha detto...

...ciao Joh: un nome che ho aggettivato, nel senso che per me è diventato aggettivo che qualifica, sia la bellezza della tua scrittura, sia per la parte femminile che rappresenti,e per questo accetta, anche se in ritardo, la mia sentita solidarietà per tutte le lotte e le sofferenze che ancora oggi le donne subiscono...porgi un caro saluto nella notte da parte mia a Stefania...

johakim ha detto...

E con la luce del mattino, ti dico: "Grazie Sergio"!
Ste