martedì 14 giugno 2011

Non esistono i traguardi - 20 Giugno 1961 -



La sensazione è strana. Alcuni di voi ci sono passati, altri ci passeranno fra un più di tempo. E' il giorno della svolta, del giro di boa.
E' il giorno di un compleanno a metà fra il traguardo ed il declino.
Certo una lo prende con filosofia: il tempo non si ferma ad aspettare nessuno. Ma se mi metto a considerare i giorni che sono passati, i momenti vissuti, le ore, le fasi trascorse della mia vita... allora merita che io mi fermi a pensarci qualche momento di più.

Ho un cestino pieno di "grazie" da consegnare, partendo dal mio primo giorno di vita a quest'istante preciso.

Nel bene o nel male devo poter ringraziare tutti quelli che mi hanno tenuta per mano, che mi hanno sorretta ed amata o che si sono fermati anche solo a parlare per qualche ora, in qualche momento, da qualche parte del mondo con me.

La mia famiglia prima di tutto. Mia madre e mio padre che mi hanno guidata, educata, consigliata e se necessario sgridata. La stessa famiglia che ho abbandonato, un giorno, fuggendo di nascosto per rincorrere il mio cuore. T
roppo presto però, ero ancora troppo giovane e che non si è mai permessa di dirmi"io te l'avevo detto...".
Grazie per essere state le prime persone che mi hanno amata e che ancora oggi non hanno smesso di farlo.

Mia figlia. Lei che ho tenuto prima dentro di me per poi lasciarla libera nel vento. Che ho avuto per mano più come sorella minore che non come madre.
Lei che è cresciuta con me e che malgrado i rimproveri nei miei confronti che forse non avranno mai fine, è la mia unica certezza, il mio orgoglio, il mio grande amore. Grazie se imparerai dai miei sbagli, con amore. Grazie per aver dato vita alla vita.

Gli uomini e le donne che ho amato. Grazie anche a chi mi ha fatto del male. Da loro ho imparato
a difendermi, a crescere, a combattere per i miei desideri. Grazie a chi mi ha lasciata ed a chi ho abbandonato strada facendo. Ognuno di loro ha posato una piccola goccia di vita, lasciandola scorrere o bagnandomi fin nella profondità del mio animo diventando parte di me, nei pensieri, nei discorsi, nei gesti e nelle emozioni. Grazie per avermi insegnato a capire e ad amare anche me.

A quelle persone che, dietro ad un banco, m'hanno insegnato ad essere libera. Che con le parole dei libri mi hanno istruita nella mente, nel corpo e nell'anima.
Grazie per avermi dato una possibilità in più di esser parte del mondo in cui vivo e non sentirmi inferiore a nessuno.

Alle creature senza parola che mi hanno sempre seguita, aspettata, rincorsa. Loro che non hanno mai chiesto nulla se non una ciotola piena, un giochino di pezza, una mano che toccasse il loro destino. Grazie per avermi insegnato ad provare un amore diverso e profondo.

A chi c'è e mi ha dato le chiavi del cuore, soprattutto del mio. A chi non si immagina l'importanza che ha in quest'istante di vita. A chi si vorrebbe nascondere dietro ad un bizzoso carattere per le ferite che ancora gli dolgono. A chi si chiede se sono felice senza pensare a se stesso.

Grazie per avermi dato il permesso di esserti accanto.


A questa vita che ha tolto a volte qualcosa ma mi ha reso in cambio moltissimo.
Mi ha dato i tramonti e le albe, il profumo dei fiori. La pioggia battente, la neve ed il vento. Mi ha dato i sorrisi e le lacrime di un intero universo. Ha cercato di farmi imparare quando non volevo vedere ed ha cercato di farmi capire quando non volevo sentire.
Vita, traguardi. Appoggiata a questo paletto, l'ennesimo, ma un
più importante degli altri.
Eccomi pronta ad aprire le pagine di un nuovo capitolo, il mio, in questo unico istante lunghissimo.

16 commenti:

Annalisa Orrù ha detto...

Grazie a te joh che ti offri sempre agli altri senza risparmiarti, sincera e onesta, e con umiltà quella che a me ha attirata e spinta a far parte in un certo qual modo della tua vita.
Nella vita non esistono traguardi ma solo conquiste ottenute sempre con sacrifici e amore, aiutate da ciò che siamo: creature del passato che vivono nel presente per costruire il futuro ed essere parte di chi ci vive accanto.
Ti lascio il mio augurio e un sorriso.
Buon anno
Lilly

johakim ha detto...

Sei un amica preziosa!
Grazie Lilly!!

soloenne ha detto...

...umiltà fierezza e gratitudine

un cestino colmo

ottimo bagaglio per crescere ancora e ancora

...un sorriso

johakim ha detto...

Grazie Nio!!!
riesci sempre a commuovermi!

Joh

JFK ha detto...

Anche se sono l’ultimo arrivato, festeggio in compagnia di chi ti conosce meglio.
E poi, le hai sfogliate così intensamente le prime cinquecento pagine del romanzo, che pare di conoscerti da più tempo.
Volendo rappresentarlo in musica questo tratto di cammino, starebbe comodo nella voce e nelle parole di Violeta Parra:
“ Grazie alla vita che mi ha dato tanto, mi ha dato il sorriso e mi ha dato il pianto…”
Certo che tu allora tiravi appena le aste sul quaderno.
Consiglio di chi ha doppiato prima di te.
Vira largo più che puoi e per un’altra decina d’anni con la coda dell’occhio continuerai ad inquadrare la sagoma della boa.
Mi pare di poter dire che sei nelle condizioni ideali per farlo.
Con simpatia e un bouquet fresco d’auguri.

JFK

johakim ha detto...

JFK
Conosco molto bene questa canzone... e se mi permetti la metterò sulla mia pagina di fb.
Grazie delle parole, del pensiero e di averti incontrato, ancora una volta, qui.
Joh

JFK ha detto...

Onorato se vorrai farlo, anche se lì non ti posso seguire.
Sono refrattario ai troppi lacci e le uniche stringhe che amo quotidianamente allacciare sono quelle delle mie nimbus gel da mezza maratona.
Buona vita, cara.

JFK

Uriel ha detto...

Tempo di bilanci. Per riprendere fiato... constatare che è valsa la pena e quindi iniziare di nuovo ancora e ancora. Ti auguro desideri senza fine (eh, eh...non sono buddista!) e le energie per una lotta senza quartiere perché molti, quelli a cui tieni di più, possano realizzarsi =)

johakim ha detto...

@Uriel
Grazie dell'augurio! Ne farò tesoro!
Joh

taoista ha detto...

Auguri Johakim, anche se con qualche giorno di ritardo...

Ancora ti sfogli come un libro, pronto da leggere, da comprendere, e chi ne sentirà la necessità da intimizzarlo, perchè NO!

Quando capita me di riflettere sull'età passata di un anno, sono solito pormi delle domande per capire di che anno si è trattato; e caso mai come attrezzarmi per affrontarne un'altro tutto da scoprire o meglio "inventare".

Comprendere attraverso l'indagine a posteriori di come sono oggi, mi servirà a capire se gli anni mi stanno riportando indietro oppure avanti: indietro lo ritengo Yin, viceversa in vanti Yang.

Dunque se ho vissuto Yin, mi rassegno "Sto inesorabilmente invecchiando" e questo dovrebbe essere nelle cose; tuttavia se sono stato Yang, allora tutto procede secondo le aspettative.

Non contano gli anni compiuti, ma qual'è il grado di "longevità" ottenibile praticando la Via.

Ecco, per non annoiarti, poniti quanto di positivo è entrato nella tua vita in un anno, e quanto di negativo; e di chi sono le eventuali responsabilità se ce ne sono state. Potresti trovarti di fronte alla risposta che in un anno si avanza con gli anni, ma si guadagna in Vitalità',Spontaneità, in leggerezza ecc. e tutto a vantaggio del futuro.

Di nuovo tantissimi auguri.

johakim ha detto...

@Taoista
Sei in ritardo solo di un giorno, nulla di grave! :o)

Non ho timori nel farmi leggere fin "nelle viscere", perchè non ho nulla da nascondere. Credo che la vita debba sempre essere condivisa, nel bene e nel male, perchè chi mi si affianca, anche solo per un attimo, ha sempre una ragione d'essere.

Penserò a quanto mi hai consigliato di fare e ti ringrazio del consiglio.

Ancora un abbraccio.
Joh

Libby ha detto...

Auguri, Joh. La tua vita sembra una pietra grezza che non temi di raffinare, giorno dopo giorno.

eros ha detto...

Ti ho già lasciato un commento sul tuo Facebook...ora spazio alla sobrietà, la tua foto del nickname...

Personalmente ti trovo più affascinante su altre foto che hai postato su Facebook; ma è solo un fatto di gusti personali.

johakim ha detto...

@Eros

Grazie, credo di averti anche risposto su fb e se non l'ho fatto chiedo scusa! :o)

Grazie anche del commento personale qui.

Joh

johakim ha detto...

@Libby

Grazie degli auguri!
Ho in dotazione una lima che mi serve per togliere gli spigoli e le impurità. A volte mi riesce, altre meno... ma credo che importante, dopo tutto, sia l'impegno profuso e non il risultato.

Un grande, grandissimo abbraccio
Joh

keypaxx ha detto...

Un augurio sentito e profondo. Arrivo in ritardo ma la linea faceva le bizze.
^_________^